Voucher Formativi

Voucher formativi

Voucher formativi per giovani professionisti

La Regione Toscana, nell’ambito di Giovanisì, promuove un bando rivolto a giovani professionisti per la concessione di voucher formativi individuali. Il voucher copre totalmente le spese di iscrizione a percorsi formativi da un minimo di 200 euro (iva esclusa)fino ad un massimo di 3.000 euro. Obiettivo dell’avviso è quello di favorire l’accesso ad opportunità formative, soprattutto per i professionisti più giovani, al fine di garantire un miglioramento della loro condizione professionale. l bando, attivo fino ad esaurimento fondi e finanziato con il POR FSE 2014/2020, supporta interventi individuali di formazione continua, in modalità voucher, per aumentare le competenze e sostenere la competitività professionale dei giovani lavoratori autonomi intellettuali.

La misura è attiva fino a esaurimento fondi. Consultare il bando su www.giovanisi.it

 

Cosa sono e modalità di presentazione

Cos’è il voucher
Il voucher, detto anche buono, è il finanziamento concesso da Regione e Province per la frequenza di corsi liberamente scelti dal lavoratore che ne fa richiesta.

Le opportunità formative del voucher
Il lavoratore, che vuole seguire dei corsi di formazione diversi dai classici percorsi di studio, grazie al voucher può aggiornare le sue competenze professionali, partecipando autonomamente a corsi di formazione da lui liberamente scelti, indipendentemente dalle iniziative formative promosse dalle imprese e dalle organizzazioni per i propri lavoratori

I costi coperti dal voucher
Il voucher finanzia unicamente i costi di iscrizione; generalmente sono escluse eventuali ulteriori spese quali viaggio, vitto e alloggio.

Chi sono i lavoratori che possono accedere al voucher
Oltre ai lavoratori a tempo indeterminato, generalmente i voucher possono essere richiesti anche da altri lavoratori quali ad esempio collaboratori a progetto, co.co.co., stagionali, tempo determinato, soci di cooperative a libro paga, apprendisti e le persone poste in mobilità o cassa integrazione.

Accanto ai voucher formativi di natura individuale, esiste un’ulteriore forma di voucher aziendale. Si tratta di un voucher che nasce all’interno di un contesto aziendale, assegnato al datore di lavoro, il quale costruisce per i lavoratori un percorso di formazione all’interno della propria realtà produttiva.

Quale tipologia di corsi possono essere scelti
Si possono scegliere sia le iniziative di formazione che riguardano il proprio lavoro attuale sia quelle che consentono di migliorare la propria posizione o di cambiare lavoro.

A chi e quando inoltrare la richiesta del voucher
Periodicamente, in genere una volta l’anno, la Regione e le Province emanano un Avviso pubblico per raccogliere le domande dei lavoratori. Quindi, è necessario tenere d’occhio le iniziative della Provincia di residenza e della Regione.

In quale orario si può seguire il corso di formazione scelto
I corsi scelti individualmente vanno seguiti fuori dall’orario di lavoro oppure usufruendo, nei casi previsti, delle 150 ore di permesso per studio.

Per le modalità di presentazione della domanda e finanziamenti cerca su: http://www.regione.toscana.it/cittadini/formazione-professionale/voucher-formativi

Voucher per manager d’azienda

Bando: scadenza trimestrale del bando ‘Voucher formativi per manager d’azienda’. Il bando prevede la concessione di voucher individuali per la partecipazione a percorsi formativi rivolti a manager d’azienda.  L’importo del voucher può variare, da un minimo di 200 euro (iva esclusa), fino ad un massimo di 2.500 euro. E’ prevista una priorità di punteggio per i manager under 40.

Tutte le info su: www.giovanisi.it